Aggiornamenti normativi

Da marzo i consumatori europei hanno un'arma in più per combattere l'obsolescenza programmata. Con il regolamento 2021/341 dell'Unione Europea viene introdotto il diritto alla riparabilità: un modo per tutelare i diritti dei consumatori europei e per incentivare l'economia circolare, puntando su elettrodomestici facilmente riparabili e recuperabili.A partire da marzo il suddetto regolamento impone ai produttori di rispettare degli specifici criteri nella progettazione e nella realizzazione dei prodotti. In questo modo si intende rendere possibile la riparazione anche fuori dal circuito ufficiale; in aggiunta a ciò le aziende sono obbligate a rendere disponibili le componenti per la riparazione per un arco di tempo di 7-10 anni dall'ultima immissione sul mercato del modello.Ancora, con...

Con decreto 13 gennaio 2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 10 febbraio 2021, viene recepita la direttiva UE 2020/1833 della Commissione, direttiva che va a modificare gli allegati della direttiva 2008/68/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, relativamente al trasporto di merci pericolose. Il DM 13 gennaio 2021 va quindi ad apportare modifiche al Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 35, in cui si recepiva la direttiva madre 2008/68.In particolare vengono apportate le seguenti modifiche:Art. 1 – Modifiche all’art. 3 del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 35Le lettere a), b) e c) dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 35, sono sostituite dalle seguenti: allegati A e B dell’ADR, come applicabili a decorrere dal 1° gennaio 2021, restando...

Approvato con il DPCM 23 dicembre 2020, il nuovo Modello Unico di Dichiarazione Ambientale è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.39 del 16 febbraio 2021.La decisione di rivedere il modello deriva dagli aggiornamenti normativi dovuti alle direttive europee sull'economia circolare, in particolare al D. Lgs. n. 116 del 2020. Tra le modifiche si ha anche una parziale riscrittura dei soggetti tenuti alla compilazione.In particolare sono tenuti alla presentazione del MUD: chiunque effettui attività di trasporto o raccolta rifiuti per commercianti o intermediari senza detenzione imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi e di rifiuti pericolosi i consorzi e i sistemi riconosciuti istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, esclusi...

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.33 del 9 febbraio 2021 il decreto 22 settembre 2020, n.188, del Ministero dell'Ambiente. Il decreto introduce e stabilisce i criteri specifici per i quali i rifiuti di carta e cartone cessano di essere qualificati come tali ai sensi e per effetto dell'articolo 184-ter del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152.A tal proposito ricordiamo che, perché un materiale veda cessata la qualifica di rifiuto, devono sussistere le seguenti condizioni: la sostanza o l'oggetto sono destinati a essere utilizzati per scopi specifici esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto la sostanza o l'oggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti l'utilizzo della...

È stata diffusa dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare una nota esplicativa riguardante la gestione dei rifiuti provenienti da costruzioni/demolizioni in ambito domestico, coerentemente con l’orientamento europeo. Viene richiamata, in particolare, la definizione di rifiuti domestico all’articolo 183 comma 1, lettera b-sexies) “I rifiuti urbani non includono i rifiuti della produzione, dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca, delle fosse settiche, delle reti fognarie e degli impianti di trattamento delle acque reflue, ivi compresi i fanghi di depurazione, i veicoli fuori uso o i rifiuti da costruzione e demolizione;” tali rifiuti si riferiscono, infatti, ad attività economiche finalizzate alla produzione di beni e servizi, quindi ad attività di...

ICE Toolkit

strumenti a supporto delle decisioni aziendali

per la circolarità


per la transizione ecologica


per LCA


Processi Certificati GTI